Viaggio in Germania - Società e politica
Viaggio in Germania - Società e politica

Johann Wolfgang Goethe: Viaggio in Italia

Tutte le città e regioni della Germania Germania - poltica e società Come sono i tedeschi? La lingua tedesca Vivere e lavorare in Germania La letteratura tedesca La cultura tedesca La musica tedesca La storia della Germania
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
Condividere su Facebook Condividere su Twitter

Si parte per un viaggio, Silhouette dell'epoca
Si parte per un viaggio
Silhouette dell'epoca, autore sconosciuto
Si parte per un viaggio, Silhouette dell'epoca
Si parte per un viaggio
Silhouette dell'epoca, autore sconosciuto

Come si viaggiava nel Settecento?

Nel settecento il "turismo", come lo conosciamo oggi, non esisteva. Viaggiare era pericoloso, i ladri erano sempre presenti nelle strade. Inoltre, le carrozze si rompevano facilmente per il cattivo stato delle strade. Per i viaggi all'estero c'era un ulteriore problema: la lingua. Pochissimi sapevano una lingua straniera. I viaggi erano lenti e lunghi, in una settimana si riuscivano a fare forse 500-600 chilometri, e solo i più ricchi avevano i soldi per fare un viaggio così lungo.

Ma qualcuno viaggiava: nel medioevo c'erano i commercianti che lo facevano per necessità. Poi i pellegrini che andavano a Roma per ottenere l'indulgenza. E infine gli scrittori, i pittori e architetti che volevano imparare presso maestri stranieri o cercavano ispirazioni artistiche. Dürer per esempio andò in Italia e in Olanda per imparare. Il ricco banchiere Fugger mandò suo figlio a Venezia, affinché potesse conoscere il sistema bancario italiano. Il piccolo Mozart fu portato in giro per l'Europa (anche per l'Italia) per farsi conoscere. Dall'altra parte, architetti e pittori italiani andarono in Germania, perché lì l'arte italiana era richiesta e c'erano buone possibilità di guadagnare. I viaggi erano dunque quasi sempre per motivi di lavoro o di studio.

Tra il XVIII e il XIX secolo un viaggio nel bel paese diventò una tappa quasi obbligatoria nell'educazione dei giovani delle ricche famiglie inglesi, francesi e tedeschi, per completare l'istruzione tradizionale da parte degli insegnanti privati. Nel Settecento c'erano già alcuni, pochi, "luoghi di riposo" dove i ricchi andarono per divertimento, un viaggio restava comunque sempre un'impresa notevole, costosa e non senza pericoli. Il 95% della gente non lasciava praticamente mai la città dove viveva e lavorava.
'Goethe nella campagna romana';, quadro di Johann Heinrich Wilhelm Tischbein (1786) 'Goethe nella campagna romana';, quadro di Johann Heinrich Wilhelm Tischbein (1786) "Goethe nella campagna romana",
quadro di Johann Heinrich Wilhelm Tischbein (1786)
fonte:
Wikimedia Commons

Perché Goethe andò in Italia?

Il viaggio di Goethe fu una specie di fuga. Il lavoro come ministro a Weimar aveva soffocato la sua creatività. Sentì la necessità di cambiare pelle. L'Italia era sempre stata il suo sogno, l'Italia classica della Magna Grecia e dei Romani. Tuffandosi in quell'ambiente classico sperava di poter rinascere come artista.

Preparava questa fuga di nascosto, nessuno doveva sapere quando e per dove sarebbe partito. Il 3 settembre, alle tre di notte, partì con la carrozza della posta, senza salutare nessuno. All'inizio viaggiava sotto un falso nome, non voleva essere riconosciuto, voleva godersi l'Italia senza dover rendere conto a nessuno. Per molto tempo nemmeno sua madre e i suoi amici più stretti avevano notizie di lui.
Goethe alla finestra del suo appartamento a Roma, aquarello di Johann Heinrich Wilhelm Tischbein Goethe alla finestra del suo appartamento a Roma, aquarello di Johann Heinrich Wilhelm Tischbein Goethe alla finestra del suo appartamento a Roma, aquarello di Johann Heinrich Wilhelm Tischbein (1787)
fonte:
Wikimedia Commons

Cosa cercava in Italia, cosa trovò?

Quello che Goethe cercava non era l'Italia di Michelangelo, di Leonardo, della grande pittura rinascimentale e barocca. Durante il primo soggiorno a Firenze si fermò per appena 3 ore, e a Roma, nella Cappella Sistina si annoiava e si addormentò. La situazione politica in Italia gli era del tutto indifferente. Giotto non lo vedeva e il grande architetto barocco Bernini, onnipresente a Roma, non lo nominava neanche una volta nel suo diario. Cercava invece l'antichità greca-romana e quando, a Verona, vide per la prima volta un monumento romano "dal vivo", cioè l'Arena, era felice. Una volta arrivato a Roma, si sentì subito a casa e si comportava come se non fosse mai vissuto da un altra parte.

Il viaggio doveva durare alcuni mesi, alla fine erano quasi due anni. Più che un viaggio in Italia era una vita in Italia, e più si fermò, più si rilassò, più cominciò ad interessarsi anche della vita quotidiana italiana. Goethe cambiò e si può notare un fatto curioso, ma piuttosto significativo: lui che in passato aveva scritto innumerevoli poesie d'amore e romanzi pieni di passione, solo qui, in Italia, a 37 anni, scopre l'amore, quello fisico, sensuale.

Oltre a dipingere continuamente (portò a casa ca. mille disegni), ricominciò a scrivere e a completare alcune opere non terminate prima. Il suo diario, pubblicato nel 1829, è un libro molto interessante, ma insolito. Non è una descrizione del paese, piuttosto è una descrizione delle impressioni che riceveva dal paese e dalla gente, mescolata con riflessioni su arte, cultura e letteratura. Leggendo il libro si capisce più di Goethe che dell'Italia. Ma nonostante ciò e anche un libro sull'Italia, ma su un'Italia del tutto goethiana, era la sua Italia, un'Italia che nessun'altro poteva vivere così.
Goethe durante il suo soggiorno a Roma Goethe durante il suo soggiorno a Roma Goethe durante il suo soggiorno a Roma,
quadro di Angelika Kauffmann (1788)
fonte:
Wikimedia Commons

L'espressione classica della nostalgia verso l'Italia:

Kennst du das Land, wo die Zitronen blühn,
Im dunklen Laub die Goldorangen glühn,
Ein sanfter Wind vom blauen Himmel weht,
Die Myrte still und hoch der Lorbeer steht,
Kennst du es wohl?
Dahin! Dahin
Möcht ich mit dir, o mein Geliebter, ziehn!


Conosci il paese dove fioriscono i limoni?
Nel verde fogliame splendono arance d'oro
Un vento lieve spira dal cielo azzurro
Tranquillo è il mirto, sereno l'alloro
Lo conosci tu?
Laggiù, laggiù
Vorrei con te, o mio amato, andare!

Il secondo viaggio in Italia:

Tutti i tentativi di Goethe di ripetere l'esperienza unica e stimolante del primo viaggio in Italia fallirono. La seconda volta arrivò fino a Venezia, ma non vide più gli ideali classici, ora vide invece il disordine e il malfunzionamento delle cose pubbliche. Il suo bisogno di evadere non era più sufficientemente grande.

Durante il suo secondo viaggio, Goethe scrisse invece:

Noch ist Italien, wie ichs verließ,
noch stäuben die Wege,
Noch ist der Fremde geprellt,
stell er sich, wie er auch will.
Deutsche Rechtlichkeit suchst du in allen Winkeln vergebens,
Leben und Weben ist hier,
aber nicht Ordnung und Zucht;
Jeder sorgt nur für sich, ist eitel,
misstrauet dem andern,
Und die Meister des Staats
sorgen nur wieder für sich.
Schön ist das Land! doch ach!
Faustinen find ich nicht wieder.
Das ist Italien nicht mehr,
das ich mit Schmerzen verließ.

L'Italia è ancora come la lasciai,
ancora polvere sulle strade,
ancora truffe al forestiero,
si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
c'è vita e animazione qui,
ma non ordine e disciplina;
ognuno pensa per sé, è vano,
dell'altro diffida,
e i capi dello stato, pure loro,
pensano solo per sé.
Bello è il paese! Ma Faustina, ahimè,
più non ritrovo.
Non è più questa l'Italia
che lasciai con dolore.

Il viaggio - tappa per tapppa:

Il viaggio di Goethe in Italia durò quasi due anni, dal 3 settembre 1786 al 18 giugno 1788, cioè un anno, nove mesi e quindici giorni. La maggior parte del tempo passò a Roma, il primo soggiorno durò quattro mesi, il secondo quasi dieci mesi. Ecco le date per ripercorrere tutto il suo lungo viaggio.
Il viaggio di Goethe in Italia Karlsbad
Monaco
Brennero
3 settembre 1786
6 - 7 settembre
8 settembre
Trento
Verona
Vicenza
Padova
Venezia
10 - 11 settembre
14 - 18 settembre
19 - 25 settembre
26 - 27 settembre
28 settembre - 14 ottobre
Bologna
10  Firenze
11  Roma
18 - 20 ottobre
23 ottobre
29 ottobre 1786 - 22 febbraio 1787
12  Napoli
13  Palermo
14  Agrigento
15  Catania
25 febbraio - 29 marzo
2 - 18 aprile
23 - 27 aprile
1 - 5 maggio
16  Napoli
17  Roma
14 maggio - 3 giugno
6 giugno 1787 - 24 aprile 1788
18  Siena
19  Firenze
20  Bologna
21  Milano
22  Como
27 aprile
29 aprile - 11 maggio
12 maggio - 21 maggio
22 maggio - 27 maggio
28 maggio
23  Costanza
24  Norimberga
25  Weimar
3 - 10 giugno
13 - 16 giugno
18 giugno 1788
Il viaggio di Goethe in Italia
Karlsbad
Monaco
Brennero
3 settembre 1786
6 - 7 settembre
8 settembre
Trento
Verona
Vicenza
10 - 11 settembre
14 - 18 settembre
19 - 25 settembre
.
Padova
Venezia
Bologna

26 - 27 settembre
28 settembre - 14 ott.
18 - 20 ottobre
10  Firenze
11  Roma
23 ottobre
29 ottobre 1786 - 22 febbraio 1787
12  Napoli 25 febbraio - 29 marzo
13  Palermo
14  Agrigento
15  Catania
2 - 18 aprile
23 - 27 aprile
1 - 5 maggio
16  Napoli
17  Roma
14 maggio - 3 giugno
6 giugno 1787 - 24 aprile 1788
18  Siena
19  Firenze

20  Bologna
21  Milano
27 aprile
29 aprile - 11 maggio
12 - 21 maggio
22 - 27 maggio
22  Como
23  Costanza

24  Norimberga
25  Weimar
28 maggio
3 - 10 giugno
13 - 16 giugno
18 giugno 1788

Altre pagine su Goethe: